WOMAN's JOURNAL

Quote rosa, le donne della politica commentano la legge

(Public Policy)  – Le prime a essere felici sono le promotrici del provvedimento sulle quote rosa neiconsigli di amministrazione delle società quotate in borsa e partecipate, Lella Golfo, deputata Pdl, e Alessia Mosca, Pd. Oggi il Consiglio dei ministri ha approvato il  regolamentoattuativo per le aziende a partecipazione pubblica dellalegge sulle quote rosa nei consigli di amministrazione, atteso da mesi  “Sono molto soddisfatta questo è l’ultimo tassello di un lungo lavoro culminato con l’approvazione della legge il 28giugno del 2011 che sarà operativa il 12 agosto. Si chiude un capitolo importante per le donne italiane, è una vittoria che voglio dedicare a tutte loro”. Per Golfo, “ora si riparte dal merito e dalle competenze, noi di Fondazione Belisario vigileremo sulla sua applicazione, non daremo tregua”. Secondo Alessia Mosca, Pd, il cambiamento è già iniziato,”il regolamento attuativo servirà non tanto per le grandiaziende che sono sempre sotto i riflettori ma gli enti più piccoli, per quelle partecipate pubbliche e sono un numero elevatissimo, a cui è dedicato l’articolo 3″. Anche per l’ex ministro delle Pari Opportunità ed esponentePdl Mara Carfagna, il regolamento è “l’ultimo atto di una legge che può dirsi storica per il nostro Paese” e “darà il via ad una nuova stagione di protagonismo femminile nel mondo dell’impresa”.

Dello stesso tono è la responsabile pari opportunità del Pdl e vicepresidente delgruppo alla Camera, Barbara Saltamari: “Credo che misure transitorie, in grado di garantire una maggiore presenza femminile ai vertici delle aziende, possano giovare in termini di preparazione professionale e competitività”. Per Saltamartini, “l’obiettivo è spezzare un sistema di cooptazione tutto sbilanciato al maschile, raggiungendo una massa critica di donne presenti nei Consigli e, per questa via, innescando un circolo virtuoso”.

Le reazioni di Fli e Idv – “Spero che si tratti di un primo formale passo verso un vero cambio culturale nei confronti delle donne” è l’opinione di Chiara Moroni, coordinatrice delle donne di Futuro e Libertà e deputata, “in modo tale che in futuro non ci sia più bisogno di un intervento normativo per veder riconosciuta la professionalità e l’intelligenza femminile”. “Solo quando ci sarà questa ‘rivoluzione’ che altri Paesi occidentali hanno già attuato da tempo, si potrà parlare di vera uguaglianza tra uomini e donne”, conclude Moroni. Per Giuliana Carlino, senatrice Idv, si tratta di “una battaglia di civiltà, ora si tratta di assicurare unasorveglianza attenta sul rispetto delle quote, affinchél’obiettivo previsto dalla legge sia veramente raggiunto”.

I contenuti della legge – La legge è transitoria e prevede che a partire dal 12 agosto 2012 i consigli di amministrazione di aziende private quotate in borsa e società a partecipazione statale siano composti da un quinto di donne. La quota salirà a un terzo nel 2015. Per le aziende inadempienti private la Consob, (la commissione nazionale di vigilanza della borsa che ne ha scritto nei mesi scorsi il regolamento) emanerà, una diffida. Se l’azienda non si adegua, scatteranno sanzioni pecuniarie (da 100 mila euro a un milione), quindi ci sarà, come terzo passaggio, il decadimento del consiglio. Per le società a partecipazione pubblica, invece, c’è una prima diffida e quindi la decadenza. Questo secondo meccanismo, spiega Lella Golfo, è anche più efficace di quello in vigore per le società private, perché più veloce.

Fornero, legge contro pregiudizi e conservatorismo – Un passaggio “significativoe obbligato” per una “nuova cultura della parità di genere”, questo il giudizio a caldo della ministra del Lavoro con delega alle Pari Opportunità Elsa Fornero, sull’approvazione in Consiglio dei ministri del Regolamento di attuazione della legge sulle quote rosa nei consigli di amministrazione delle società quotate e a partecipazione pubblica. Secondo Fornero “la previsione di quote è un passaggio significativo, ancorché obbligato, per consentire l’effettiva partecipazione delle donne a momenti decisionali di così rilevanti attori economici”. La legge, che è transitoria e vale per tre rinnovi societari, contribuisce a rimuovere “pregiudizi e conservatorismi anacronistici”. E poi una stoccata ai partiti: “Auspico che una decisione come quella di oggi possa essere anche di esempio per la politica e non si debba, con rammarico, registrare l’assenza di candidature femminili come pare essere il caso delle prossime elezioni in Sicilia”. Secondo Fornero “la previsione di quote è un passaggio significativo, ancorché obbligato, per consentire l’effettiva partecipazione delle donne a momenti decisionali di così rilevanti attori economici”. La legge, che è transitoria e vale per tre rinnovi societari, contribuisce a rimuovere “pregiudizi e conservatorismi anacronistici”. E poi una stoccata ai partiti: “Auspico che una decisione come quella di oggi possa essere anche di esempio per la politica e non si debba, con rammarico, registrare l’assenza di candidature femminili come pare essere il caso delle prossime elezioni in Sicilia”.

Fonte – Public Policy, Agenzia di stampa politica e parlamentare

Annunci

Archiviato in:diritti, economia, Politica, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 30,182 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: