WOMAN's JOURNAL

Costa d’Avorio: prima sentenza contro le mutilazioni genitali femminili

In 22 paesi africani le mutilazioni genitali femminili sono un reato. In Costa d’Avorio lo sono dal 1998, ma solo pochi giorni fa, il 20 luglio, è arrivata la prima sentenza di colpevolezza: nove donne sono state condannate al carcere e a una multa pecuniaria per aver compiuto queste pratiche (leggi la notizia su The New York Times).

Secondo l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), si definiscono mutilazioni genitali femminili (FGM) “tutte le procedure che implicano la rimozione parziale o totale dei genitali femminili esterni o altre lesioni degli organi genitali femminili non dovute a ragioni mediche”. Sempre secondo l’Oms, attualmente circa 140 milioni di donne sopportano le conseguenze di queste pratiche e solo in Africa sono 92 milioni le giovani sopra i 10 anni che le hanno subite, alle quali se ne aggiungono 3 milioni ogni anno. Benché la maggior parte dei casi si concentri nel continente africano, le FGM sono presenti anche in altre aree – soprattutto nello Yemen, in India, Indonesia, Iraq, Malesia, Emirati Arabi Uniti, Israele – e non di rado si riscontrano nei paesi occidentali, all’interno di alcune comunità di migranti.

Combattono per eliminarle sia istituzioni governative sia associazioni non profit. L’Unicef, per esempio, ha lanciato nel 2007 la campagna End Female Genital Mutilation/Cutting, mentre Amnesty Irlanda porta avanti la End FGM European Campaign in collaborazione con altre 13 associazioni. Recentemente, il 12 maggio di quest’anno, l’organizzazione non profit No peace without justice, fondata nel 1993 da Emma Bonino, ha lanciato, nell’ambito della campagna Ban FGM, un appello alle Nazioni Unite affinché adottino una risoluzione che proibisca esplicitamente le mutilazioni genitali femminili e a tutti gli stati del mondo perché si dotino di una legge che le vieti e prendano ogni misura necessaria a contrastarle e debellarle.

In alto, il manifesto della campagna Ban FGM.

Annunci

Archiviato in:diritti, esteri, salute, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,818 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: