WOMAN's JOURNAL

Il rapporto Istat sulla conciliazione lavoro famiglia

La cura della famiglia è una delle principali attività degli italiani. Secondo i dati dell’ultimo rapporto  Istat sulla conciliazione, pubblicato a fine dicembre,

sono 15 milioni 182 mila (il 38,4% della popolazione tra i 15 e i 64 anni) le persone che nel 2010 dichiarano di prendersi regolarmente cura di figli coabitanti minori di 15 anni, oppure di altri bambini, di adulti malati, disabili o di anziani. Il 27,7% delle persone tra i 15 e i 64 anni ha figli coabitanti minori di 15 anni, il 6,7% si prende regolarmente cura di altri bambini e l’8,4% di adulti o anziani bisognosi di assistenza. Le donne sono coinvolte in questo tipo di responsabilità di cura più spesso degli uomini (42,3% contro il 34,5%) e anche per questo risulta più bassa la loro partecipazione al mercato del lavoro. Tra le madri di 25-54 anni, la quota di occupate è pari al 55,5%, mentre tra i padri raggiunge il 90,6%.

I dati della relazione sono stati riassunti in un’infografica realizzata da Linkiesta. Significativi i grafici inerenti l’occupazione femminile. Tra le donne occupate (15-64 anni) con figli da 0 a 14 anni, il 59,2 sono soddisfatte della propria condizione, il 33,3 per cento vorrebbe meno lavoro per occuparsi di più dei figli e il 7,5 per cento vorrebbe lavorare ancor di più. Tra le donne inattive con figli da 0 a 14 anni, il 69,7 per cento dichiara di non voler cambiare la propria vita, il 30,3 vorrebbe invece un lavoro e curare meno i figli.

Molte donne sono costrette a lavorare part-time per assenza di servizi alla conciliazione: il 15,4 per cento di quelle che si prendono cura di figli coabitanti svolge lavori non a tempo pieno, mentre il 14 per cento, per sopperire l’assenza di servizi è costretta a non lavorare affatto.  Un altro aspetto emerge dalla comparazione delle assenze dal lavoro tra uomini e donne per motivi familiari, o dall’uso maschile e femminile del congedo familiare. Degli occupati che si sono assentati dal lavoro per almeno un mese per accudire i figli di meno di 8 anni, il 37,5 per cento sono donne, a fronte dell’1,8 per cento di maschi. L’uso del congedo parentale riguarda le donne per il 45,3 per cento e gli uomini per il 6,9 per cento.

Annunci

Archiviato in:economia, società, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,540 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: