WOMAN's JOURNAL

Donne in rosso

Si è chiusa oggi l’assemblea delle donne del sindacato pensionati dal titolo Signore in Rosso. Il valore del genere, la forza dell’età, Purtroppo “Rosso” non è il colore di un bel vestito o di un rossetto nuovo ma del conto corrente di molte donne. Secondo la Spi-Ggil,  infatti, sono circa 9milioni le donne italiane che vivono con una pensione inferiore ai mille euro al mese. Quella degli uomini si attesta intorno ai 1.300 euro.

Nel dettaglio circa 9 milioni di donne vivono con una pensione media di 961 euro, di queste ben 2.480.000 percepiscono appena 358 euro, 2.800.000 arrivano ad un massimo di 721 euro e 2 milioni a 792 euro.  Per quanto riguarda la pensione sociale sono soprattutto le donne a beneficiarne: 423.433 a fronte dei 131.511 assegni sociali per gli uomini. L’importo medio di una pensione sociale per una donna varia di regione in regione ma è inferiore a quello degli uomini di circa 100 euro.
Per quanto riguarda la pensione da lavoro sono 3.500.000 le donne che la percepiscono. Di queste circa 2 milioni si trovano nelle regioni del nord Italia, 700mila in quelle del centro e 850mila nel Mezzogiorno. Secondo lo Spi-Ggil, le donne italiane, in prospettiva, andranno in pensione più tardi rispetto alle colleghe europee. L’età pensionabile passerà, infatti, dai 60 anni del 2010 ai 62 del 2020 fino ad arrivare ai 66 del 2030, ai 67 del 2040 e ai 68 del 2050. In Francia, invece, l’età pensionabile è più bassa, resterà sostanzialmente invariata e arriverà nel 2050 a 61 anni. In Germania la soglia resterà bloccata ai 65 anni mentre nel Regno Unito arriverà a 67 non prima del 2050. Anche gli Usa avranno un’età pensionabile per le donne inferiore a quella dell’Italia e sarà di 67 anni dal 2030. All’assemblea è intervenuta  Susanna Camusso che ha chiesto “siamo proprio sicuri che sia conveniente mantenere al lavoro gli anziani e tenere fuori i giovani? Innalzare l’età pensionistica non si garantisce ai giovani un presente, né tantomeno un giorno la pensione. Bisogna ragionare sulle pensioni, ma in un modo che sia funzionale per i giovani”.

Foto tratta da stuartpilbrow (Flickr.com)

Annunci

Archiviato in:diritti, economia, Politica, società, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,803 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: