WOMAN's JOURNAL

“Alle donne nulla”, Emma Bonino sulla manovra del Governo

Mentre le borse vanno a picco e il Governo tenta di perfezionare la manovra economica da 45 miliardi, i problemi del Paese rimangono irrisolti e, anzi, si aggravano. Emma Bonino, vice presidente del Senato, da sempre al fianco delle donne nelle loro battaglie di civiltà e indipendenza, rilancia le misure che potrebbero portare a una maggiore occupazione femminile: più aiuti alle donne per le incombenze di cura, una riforma universalistica (cioè che copra tutti) degli ammortizzatori sociali, un’authority sulle discriminazioni, di genere e non solo. Ciò aiuterebbe a combattere le molte ingiustizie e stereotipi radicati in una cultura italiana che la Bonino definisce “familista”. Foto Flickr by faceMePLS

Via La Stampa

Partiamo dall’innalzamento dell’età pensionabile delle donne nel privato dal 2016, cosa ne pensa?
«Naturalmente sono a favore. L’aumento, così come è stato introdotto con il decreto dello scorso 12 agosto, è un innalzamento a partire dal 2016, che è irrilevante ai fini della manovra che vale fino al 2014. Non mi spiego perché l’abbiano fatto, i fondi derivanti dall’innalzamento non si possono nemmeno considerare, ai fini del risparmio di cassa.

Ciò che, invece, era stato fatto, con la precedente manovra, quella di luglio, è la riduzione di tutte le detrazioni fiscali per le famiglie, quindi per figli a carico, accompagnamento, spese per l’istruzione, mediche e per gli asili nido. Se non si arriva al pareggio di bilancio com’è negli obiettivi della legge, il taglio alle detrazioni sarà del 5% nel 2013 e del 25% nel 2014. Gli aiuti per le famiglie erano già molto pochi, adesso non ci rimarrà nulla. Come è facile intuire, queste riduzioni colpiranno soprattutto le donne all’interno dei nuclei familiari, perché come ha candidamente affermato il capogruppo della Lega alla Camera, Marco Reguzzoni, lo scorso 11 agosto, “le donne sono il welfare del Paese”.

Non pensa che in questi ultimi mesi si sia posto l’accento troppo su misure di conciliazione e poco su provvedimenti regolativi o fiscali da introdurre per innalzare l’occupazione femminile?
«Dipende come si vuole leggere la realtà. La stragrande maggioranza delle italiane ha figli, pochi, ma ne ha e con la cultura familista che abbiamo ha l’esigenza impellente di riuscire a conciliare i suoi ruoli, spesso entrambi a tempo pieno: quello di lavoratrice e di madre. È un’equlibrista, impegnata in mille attività, spesso anche contemporaneamente. Quindi, la politica punta su questo aspetto, anche se sarebbe più innovativo non interessarsi solo alla conciliazione, perché non è un’esigenza solo femminile. Ciò che dovremmo agevolare sono i servizi alla persona, tutti, con l’introduzione di voucher, sul modello dei Cesu francesi (la proposta: www.emmabonino.it/press/by_emma_bonino/8612), ovvero dei buoni acquistabili ovunque per pagare servizi di cura e assistenza come baby sitter e badanti. È un modo per liberare nuove energie femminili sul mercato, e contemporaneamente fa emergere il nero.

Era una delle proposte quando l’anno scorso ci siamo battute per l’accantonamento dei risparmi derivanti dall’innalzamento pensionistico delle donne nel settore pubblico. Sappiamo com’è andata a finire. Il tesoretto di 4 miliardi è stato destinato a generiche misure di autosufficienza e conciliazione e poi, è stato tagliato dalla manovra di luglio. Insomma, di quei 4 miliardi per le donne non non è rimasto nemmeno un euro. La verità è che in questo Paese la cultura è diversa da quella francese e semmai ci fossero i soldi verrebbero spesi per altro, per esempio per introdurre il quoziente familiare, che penalizza il lavoro femminile piuttosto che incentivarlo».

Cosa ne pensa di riformare la legge sulla maternità in Italia per renderla più flessibile, togliendo l’obbligo astenersi dal lavoro per 5 mesi?
«Come radicali l’abbiamo proposto varie volte, ma l’idea non ha mai ricevuto un’adeguata attenzione. Comunque basterebbe prendere e copiare ciò che negli altri Paesi europei ha funzionato, invece di inventarsi la “via italiana”. È bene che di questi problemi se ne parli, visto che fino a un anno fa le donne parevano non esistere nemmeno. Finalmente, la questione femminile non ha trovato soluzione ma un palcoscenico. Bisogna avere la cocciutaggine radicale di non desistere, ormia la questione femminile è all’ordine del giorno».

Da dove bisogna ripartire?
«Penso che il filo da seguire in campo economico comprenda la riforma del welfare (con la nostra proposta universalistica di riforma degli ammortizzatori sociali: www.radicali.it/primopiano/20110830/manovra-economica-emendamenti-depositati-dai-radicali-al-senato), maggiori servizi alla persona e accesso al mercato del lavoro, meritocrazia. Nel campo civile e laico si parte dalla legge 40 sulla procreazione assistita che va cambiata.

Cosa ne sarà dell’authority sulle discriminazioni di genere?
«L’Europa ci chiede di realizzarla ma dovrebbe vigilare su tutte le forme di discriminazione, non solo quelle che subiscono le donne, ma anche verso gli immigrati e gli omosessuali.»

Annunci

Archiviato in:diritti, economia, interviste, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 30,173 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: