WOMAN's JOURNAL

La giornalista del 2011

di Alessia Cerantola

Dopo aver vinto il premio messo in palio dalla scrittrice Susannah Breslin su Forbes, la vita professionale di Lauren Orsini è cambiata. La giornalista 24enne di Washingthon DC, e di origini italiane, aveva sconfitto le concorrenti con il suo articolo su “come essere una giornalista nel 2011”. Da qualche settimana ha smesso di essere “una giornalista del weekend” ed è diventata una redattrice del neonato “The daily dot”, un sito che si occupa delle più grandi comunità del web, nello stile di un giornale locale. Qui Lauren continuerà a occuparsi della sua nicchia d’interesse: la cultura popolare giapponese.

Quando è nata questa passione?

“Mi interesso di cultura giapponese sin da quando avevo sette anni e la mia squadra di Scout femminile ha fatto un’unità didattica su questo tema. Ho cominciato a conoscere la mitologia, il design e il cibo giapponese. Ma è solo durante le scuole medie che ho iniziato a guardare anime e leggere manga”.

Come è cambiata nel tempo questo interesse?

“Oggi mi concentro soprattutto sui modi in cui il mondo dei fan della cultura popolare giapponese si materializza in occidente. Mi piacciono ancora gli anime, i manga e il sushi, ma ciò che preferisco scrivere è il modo in cui gli occidentali hanno reso propria la cultura giapponese: i fan sono la continua fonte di ispirazione per i miei articoli”.

Come deve essere per te il giornalismo?

““Out of the box”, quello che trova in sé la motivazione. Quando ero alla scuola di giornalismo molti miei compagni scrivevano pezzi solo quando era richiesto a lezione. E poi aspettavano di essere assunti in un giornale prima di scrivere di più. Sarei impazzita se non avessi avuto i miei progetti di articoli su cui scrivere. Penso che sia meglio scegliere un soggetto che ti interessa e continuare ad arricchire il tuo portfolio, pagato o meno. Grazie a internet ciascuno di noi può scrivere un articolo e pubblicare per pochi soldi o gratuitamente. I giornalisti hanno bisogno delle loro opportunità di scrittura. Se sei in gamba le persone noteranno i tuoi scritti e ti offriranno un lavoro di tipo tradizionale.

È importante ricordare che quello che sto suggerendo non significa lavorare gratuitamente. Scrivere solo per denaro o per avere crediti scolastici mostra che si dà valore al proprio lavoro. Io scrivo per il mio blog senza ricevere soldi, ma mi diverto molto. Non penso che i giornalisti debbano scrivere niente di gratuito. A meno che non si divertano a farlo”.

Qual è la differenza tra un blogger e un giornalista?

“Un blogger non ha così tante regole da seguire. Non ha bisogno di aggiustare gli articoli per impressionare il proprio capo o l’azienda. Non ha alcuna credenziale, ma se il suo lavoro è buono e piace alle persone, si fa una buona reputazione da solo. Invece un giornalista ha le credenziali dal giornale o dal sito per cui lavora. Ma deve anche promuovere la sua proposta di articolo a un editore prima di iniziare a scrivere. e alcune di queste idee sono destinate a essere rigettate. Questo è il motivo per cui, anche se ho un lavoro a tempo pieno da professionista, continuerò ad avere il blog per mettere gli articoli che interessano a me, ma non ai miei editori. È bello avere un posto in cui nessuno ti dice che cosa scrivere”.

Qual è la regola più importante che devono seguire blogger e giornalisti?

“La sincerità, verso i lettori e i soggetti di cui parlano. Devono rimanere neutrale e fedele ai fatti, anche se stanno intervistando persone molto affascinanti. Nell’era dei motori di ricerca, si tende a esagerare i fatti e i titoli per avere più visite. Ma se le persone capiscono che non sei un giornalista onesto, nessuno leggerà le tue storie di nuovo. La disonestà è un danno a tutti attorno a te e di fatto peggiora le tue storie nel lungo termine.

Il mio mantra personale per il giornalismo è “sii curioso, onesto e chiaro”. Io sono curiosa e chiara per natura, ma l’onestà è qualcosa su cui ciascuno può lavorare”.

 

Advertisements

Archiviato in:esteri, interviste, tecnologia, , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,130 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 15 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: