WOMAN's JOURNAL

Il Brunch – Rassegna stampa

Le donne sacerdote sfidano papa Ratzinger (la Repubblica, 29 agosto 2011) – Cortei per la riforma della Chiesa annunciati ovunque Benedetto XVI verrà, e una messa officiata da due sacerdoti gay sposati con rito civile e sospesi a divinis a Berlino. Nella vicina Austria, un clamoroso manifesto firmato da oltre trecento religiosi per il sacerdozio alle donne e un profondo rinnovamento del cattolicesimo. Così, in un clima di crescente rivolta e protesta, la Germania e il mondo tedesco si preparano alla visita pastorale del Pontefice dal 22 al 25 settembre.

Amazzone o sposa bambina, essere donna in Libia (la Repubblica, 27 agosto 2011) – Rispetto al tempo della monarchia senussita, il lungo regime di Gheddafi ha fatto registrare un miglioramento nella condizione femminile. Nel delicato campo del diritto di famiglia ha elevato l’ età matrimoniale impedendo il fenomeno delle spose-bambine; imposto la registrazione delle nozze; condizionato il matrimonio poligamico al consenso della prima moglie; stabilito l’ intervento del giudice per convalidare il divorzio. Le donne possono votare, gestire i loro beni personali, avere accesso all’ istruzione, lavorare. Anche se sono indirizzate a fare le insegnanti o le infermiere. Professioni che il Colonnello, che pure ha ammesso donne nell’ esercito traendovi la sua guardia di “amazzoni”, definiva “consone”. Scelte che hanno fatto dire retoricamente a Gheddafi che le “donne sono trattare meglio Libia che in Occidente”. Come spesso accade nel mondo della Mezzaluna, però, le leggi fanno i conti con la tradizione.

La tragedia delle donne somale (Avvenire, 1 settembre 2011) – Le quotidiane storie di violenza sulle giovani somale, in viaggio verso la tendopoli keniana di Dadaab: da una parte gli shabaab, i rivoltosi islamici; dall’altra i corrotti poliziotti keniani, in teoria incaricati di mantenere l’ordine. Le testimonianze raccolte dall’inviato di Avvenire in Somalia.

La dignità offesa delle brigantesse (Corriere della Sera, 31 agosto 2011) – Il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia va celebrato anche come un’occasione per ripensare agli aspetti del Risorgimento non soltanto positivi. È quello che riesce a fare, sia pure con qualche concessione a una supervalutazione, il volume “Il canto delle pietre” (Luigi Pellegrini editore, pagine 94, Euro 12), che comprende l’ introduzione di Isabella Rauti, il componimento poetico “Cantos” di Pierfranco Bruni, che si ispira alla vicenda brigantesca, e i saggi di Gerardo Picardo, Neria De Giovanni, Marilena Cavallo e Micol Bruni. Picardo ricostruisce le storie e i personaggi delle brigantesse. Queste donne, definite nei verbali di polizia, negli atti dei processi e nelle cronache giornalistiche del tempo “drude”, termine spregiativo che le presenta come dedite al malaffare, negando i loro sentimenti di mogli, amanti, figlie, sorelle, sono oggetto di denigrazione perché partecipi della ribellione del mondo contadino: esse condividono non solo il destino dei loro uomini, ma gareggiano in ardimento con i maschi, impugnando il fucile, la “scoppetta” e indossando abiti maschili.

La meglio gioventù era donna (Corriere della Sera, 27 agosto 2011) – Nati entrambi nel 1947, hanno la stessa età Enrico Deaglio e la protagonista del suo primo romanzo, Zita (il Saggiatore, in libreria il 1° settembre). E la città dove sono cresciuti è la stessa, Torino, “una vera città industriale come in Italia non esistevano”. Zita è il romanzo di una generazione, ragazzi e ragazze che nel Sessantotto avevano intorno a vent’anni, ma che già da prima conoscevano l’impegno politico, come quando nel 1963 gli studenti andarono a manifestare contro la Spagna di Franco che aveva condannato a morte Julian Grimau, o si raccoglievano fondi per Danilo Dolci in Sicilia. “A volte mi è capitato di guardare delle donne della mia età, belle, serene, sicure, e di pensare: ma quando erano ragazze, cosa facevano? Qual è stata la loro vita? Con questo romanzo ho voluto raccontare la storia di tutte loro”, ha spiegato Deaglio.

Annunci

Archiviato in:rassegna stampa, , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,540 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: