WOMAN's JOURNAL

Il Brunch – Rassegna stampa

Pensioni rosa, le tappe dal 2016 (Corriere della Sera, 15 agosto 2011) – Per fare cassa non si può proprio fare a meno di intervenire sulle pensioni, sia pur con mano lieve. Non fa eccezione l’ ulteriore manovra anticrisi di ferragosto che ha anticipato il passaggio a 65 anni dell’età di vecchiaia delle donne, già deciso con la precedente manovra del luglio scorso.

Le donne di Ciudad Juarez (Corriere della Sera, 15 agosto 2011) – Al cimitero di San Rafael, a pochi chilometri da Ciudad Juárez (città di confine con gli Stati Uniti, un milione e 300 mila abitanti) sono sepolti i cadaveri di 36 donne e 19 bambini, tutti vittime della guerra del narcotraffico. Tra loro una studentessa di appena 16 anni, Rubi, uccisa a febbraio da un sicario degli Zetas, il gruppo più aggressivo dei Signori della droga: lo stesso che avrebbe poi provveduto ad eliminare, dietro ordine del capobanda Hariberto Lazcano detto El verdugo, il boia, la madre della ragazza, abbattuta a raffiche di mitra mentre denunciava l’impunità dei banditi davanti al municipio di Chihuahua.

Una donna dopo Zichichi (Corriere della Sera, 14 agosto 2011) – Quote rosa anche nella scienza. “Bel segnale, qualcosa sta cominciando a muoversi”, dice Luisa Cifarelli, 59 anni, appena nominata dal ministro dell’ Istruzione Mariastella Gelmini presidente del Centro Studi e Ricerche Enrico Fermi, al posto di Antonino Zichichi. E un’altra donna, Maria Cristina Pedicchio, dirigerà l’ Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale. Non era mai successo nella storia degli enti pubblici di ricerca.

L’uomo che lavora solo con le donne (La Stampa, 19 agosto 2011) – Di che cosa siano capaci le donne, René Mägli l’aveva visto da piccolo: era l’unico maschio in mezzo a tre sorelle. E l’esperienza dev’essere stata felice, se adesso per il suo ufficio – la filiale di Basilea della società di trasporti marittimi Msc – vuole solo donne. Con le sette assunzioni del mese scorso è arrivato a cento. Nemmeno un uomo tranne lui, il capo.

“Questa manovra è un incubo per le donne” (l’Unità, 14 agosto 2011) – Saranno schiacciate dagli effetti di questa manovra. Effetti che si sommano a quella varata a luglio, alla delega assistenziale e fiscale, ai tagli crescenti nel welfare e nei servizi degli enti locali. Secondo il quotidiano del Partito democratico saranno le donne – giovani, meno giovani, anziane –  a pagare il prezzo più alto delle misure che “fanno sanguinare il cuore del nostro premier”. Sulla manovra – e sul ruolo delle donne – si è subito aperto un dibattito che ha visto coinvolte, tra le altre, l’ex sindaco di Milano Letizia Moratti e Cristina Comencini, del comitato promotore di Se non ora quando (Corriere della Sera, 22 agosto 2011).

Letizia e le donne milanesi (Repubblica Milano, 18 agosto 2011) – Essere costretta all’ opposizione ha risvegliato in Letizia Moratti (vedi sopra) lo spirito che ne ha caratterizzato la vicenda manageriale se non quella più direttamente politica. Così ne abbiamo potuto apprezzare prima le ferme obiezioni in tema di variazione di bilancio comunale, poi l’ iniziativa per la creazione della grande Brera, infine, solo ieri dalle pagine del Corriere della Sera, le quattro proposte a sostegno del lavoro femminile. Proposte, va detto, sensate, apprezzabili e praticabili. Se solo lo si volesse. È su questo che la Moratti per rendere ancor più credibile le proprie proposte dovrebbe ammettere la grande difficoltà con la quale ogni ipotesi di lavoro si è dovuta misurare. A partire proprio dalla sua prima: “Destinare parte del risparmio dei costi previdenziali che verrà dall’ innalzamento dell’ età di vecchiaia delle donne al finanziamento dello start up di imprese femminili”.

“Vietato minimizzare” (Il Fatto Quotidiano, 18 agosto 2011) – Giulia Bongiorno – avvocato penalista, presidente della Commissione giustizia della Camera, fondatrice dell’associazione Doppia difesa – ha un solo consiglio per le donne vittime di stalking: “Non giustificare, non minimizzare. Mai. La violenza è violenza a prescindere da chi proviene”.

Annunci

Archiviato in:rassegna stampa, , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,357 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: