WOMAN's JOURNAL

Donne si diventa

A partire dalla settima settimana dopo la fecondazione, maschi e femmine si differenziano inequivocabilmente. Ma donne e uomini sono davvero così diversi? Questa domanda ha attraversato intere generazioni, tra politica e sociologia, diritto e scienza. Fino ad arrivare, negli ultimi anni, alle scienze cognitive: che cosa differenzia il cervello degli uomini da quello delle donne?

Secondo Raffaella Rumiati, docente di neuropsicologia cognitiva alla SISSA di Trieste, non esiste una risposta a questa domanda. Nel suo libro Donne e uomini. Si nasce o si diventa? (Il Mulino, 2010), riassume  le principali conoscenze sulle differenze sessuali provenienti  dalla biologia, dalle neuroscienze e dalle scienze cognitive. E conclude che la cultura pesa molto più della natura.

“Le cause delle differenze di genere non si possono ricercare nei geni” dice.  “Un individuo è biologicamente maschio o femmina, ma questo ne determina solo il sesso; il genere è invece qualcosa di più complesso, è un costrutto culturale e sociale legato alle diverse esperienze di vita”.

Questa complessità però a volte viene appiattita proprio dai più moderni strumenti scientifici: “C’è stato un nuovo impulso alle ricerche di genere grazie al fatto che le neuroscienze offrono strumenti molto seduttivi come le neuroimmagini, che mostrano le varie attivazioni del cervello”, prosegue Raffaella Rumiati. “Questo però ha fatto sì che concetti vecchi e reazionari trovassero una nuova vita anche grazie alle moderne tecnologie”.

A questo proposito la psicologa Cordelia Fine ha parlato di vero e proprio “neuro-sessismo”, sostenendo che le tecniche di neuroimmagine contribuiscono ad avvallare quello status quo che vedrebbe le donne subalterne agli uomini.

Un’arma a doppio taglio, quindi, che secondo Raffaella Rumiati richiede prima di tutto confronto e discussione. Oltre a un occhio attento sulla realtà: “Basti pensare che per molto tempo si è sconsigliato alle ragazze di fare studi scientifici… Oggi solo nella facoltà di medicina più della metà degli studenti sono donne.”

Insomma, una risposta alla domanda del suo libro c’è: donne e uomini si diventa.

 

Ascolta l’intervista a Raffaella Rumiati

 

Annunci

Archiviato in:cultura & scienza, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,818 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: