WOMAN's JOURNAL

L’Italia è un corpo di donna: Marina Terragni a SNOQ

La giornalista Marina Terragni sul suo blog fa un resoconto il più possibile fedele della due giorni del movimento Se non ora quando? che si è riunito a Siena lo scorso weekend. Riesce a ricreare l’atmosfera di condivisione e speranza che si è respirata nella città toscana, citando molti degli interventi dal palco durante la manifestazione.

“Non è smettendo di avere figli che otterremo più lavoro, ma non è smettendo di lavorare che faremo più figli” (Francesca Comencini). Non si parla mai di lavoro senza parlare di figli, e viceversa.

E’ il “doppio sì” accertato dalla Libreria delle donne di Milano. Il fatto di non potere avere figli, di dover rimandare fino al rischio di infertilità è il patimento principale. Quello della sterilità obbligata è un dolore che si percepisce fisicamente stando lì. Se per noi avere figli è stato un lusso, per le ragazze è un super-super-lusso.

Fra le donne di Siena, e non solo tra le giovani,  tante donne che non hanno mai avuto prima un’esperienza del femminismo o della politica con altre (o meglio, non hanno mai dato un senso politico al loro lavoro e alle loro vite). Bisognerebbe dire loro che in questi anni tante hanno scritto e pensato ed elaborato, che negli scritti di altre, da Carla Lonzi a Luisa Muraro a Lea Melandri, per dirne solo alcune, troverebbero la lingua e gli strumenti di cui oggi hanno bisogno (le madri di tutte noi).

“Dobbiamo pretendere la cancellazione delle ipoteche dal nostro futuro“. (donna di SNOQ Pesaro)

“Dobbiamo essere l’anticorpo che cura questo corpo dissacrato che è l’Italia“. (Donna di SNOQ, Tigullio)

“Questo fiume carsico che è il femminismo si deve tenere in superficie il maggior tempo possibile, per evitare di dover ricominciare ogni volta daccapo“. (Monica Lembi, presidente del Consiglio Comunale di Bologna)

Infine, Terragni, riporta il suo intervento dal palco, parla di donne e politica, un difficile binomio. Siamo troppo poche, mal volute nei luoghi di potere da cui, a volte, ci teniamo volontariamente a distanza: “La rappresentanza non è la soluzione di tutti i problemi, ma senza un’adeguata rappresentanza non se ne risolverà quasi nessuno. E non cambierà nemmeno la politica, resterà quella cosa lontana dalla vita e abbarbicata al potere”.

E chiude, citando gli uomini, presenti in buon numero a Siena e destinatari di molte delle riflessioni del movimento:“parliamo sempre del corpo delle donne, ma dovremmo parlare del corpo maschile, di quella sessualità incontrollabile, di quell’osceno intrico sesso-soldi-potere. L’Italia non può essere rappresentata da questo vecchio corpo, e vecchio non lo dico in senso biologico, ma alludo al patriarcato che non vuole morire. L’Italia oggi ha il corpo e le sembianze di una donna come noi. Teniamo bene in mente questa immagine e tutto sarà più facile”.


Annunci

Archiviato in:diritti, tecnologia, , , ,

One Response

  1. […] sito della Zanardo (nei commenti) in risposta al resoconto di Marina Terragni sulla due giorni senese: Interessante cio’ che ci riferisci sia avvenuto a Siena. Ritengo sia mio […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 30,352 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: