WOMAN's JOURNAL

Il Brunch – Rassegna stampa

La falsa parità  (Corriere della Sera, 6 luglio 2011) – Donne pagate meno degli uomini? Falso. Gli stipendi non fanno questione di sesso. Pari lavoro, pari retribuzione: è un fatto. Questo stabilisce un’ indagine condotta dall’ Osservatorio sul Diversity management (gestione delle differenze) della Sda Bocconi. E le ricerche che a più riprese negli ultimi anni hanno parlato di donne discriminate in busta paga (Eurostat, Istat, Unioncamere)? “Non abbastanza dettagliate per andare a fondo del problema”, osservano i ricercatori dell’ ateneo milanese. Chi non ne può più di sentir parlare di donne discriminate aspetti a tirare un sospiro di sollievo: la ricerca smonta uno stereotipo (quello delle donne malpagate). Ma nello stesso tempo punta il dito con forza su quella che viene considerata l’ origine di tutte le frustrazioni delle italiane al lavoro: la carriera mancata.

Il ritorno del “Se non ora quando” (l’Unità, 3 luglio 2011) – “Le donne e gli uomini che arriveranno a Siena il 9-10 luglio rappresenteranno gli oltre 120 comitati locali scaturiti dalla mobilitazione nazionale del 13 febbraio per parlare del futuro dell’Italia e del ruolo che le donne avranno. Il programma prevede gli interventi, tra le altre, di Linda Laura Sabbadini, direttrice centrale dell’Istat, dell’economista Tindara addabbo sulla valutazione delle politiche pubbliche e sociali di genere, e un dibattito aperto: uomini e donne che si sono riconosciuti nella mobilitazione trasversale e apartitica del 13 febbraio potranno prendere la parola per scrivere, insieme, l’agenda delle richieste femminili per l’Italia di domani”. L’intervento su l’Unità di Valeria Fedeli, del comitato “Se non ora quando”.

La pensione del futuro (la Repubblica, 5 luglio 2011) – Nel 2020, uomini in pensione a 67 anni e donne a 62. Poi, nel 2035 tutti fuori a 68 anni. Uomini e donne. Dipendenti e autonomi del settore privato. Secondo alcune inedite proiezioni dell´Inps, la parità dei generi sul piano previdenziale avverrà, dunque, a un´età ben più alta di quanto previsto sinora. L´Istituto di previdenza ottiene questo risultato combinando l´effetto di provvedimenti vecchi e nuovi. Ovvero le finestre mobili e le due norme inserite nella manovra appena licenziata dal governo, ora all´esame del Quirinale.

L’identità lacerata delle donne (Secolo d’Italia, 3 luglio 2011) – Annalisa Terranova analizza gli ultimi saggi di genere e prova a tracciare un profilo della donna moderna: “Un anno fa, conlcudendo il suo saggio ‘Sii bella e stai zitta’, Michela Marzano asseriva che ‘l’indignazione morale deve essere, per tutte noi, una fonte d’ispirazione, una sorgente d’energia’ soprattutto quando il contesto in cui ci troviamo a vivere spinge alla rinuncia. Le ‘indignate’ hanno manifestato il 13 febbraio chiedendo più rispetto per l’immagine femminile, ribadendo che il ruolo della donna non può ridursi a quello di una figurina decorativa. Ci sono interrogativi fecondi e interrogativi infecondi per il mondo delle donne e per il mondo che le circonda. I primi sono in parte richiamati nel saggio di Marzano: quante donne vengono giudicate fallite o incomplete perché non hanno figli? Quante adolescenti hanno gli strumenti critici necessari per decostruire le immagini e i discorsi che arrivano loro attraverso tv e pubblicità?”.

Una donna alla guida della Thailandia (La Stampa, 4 luglio 2011) – La leader dell’opposizione thailandese Yingluck Shinawatra, da poco entrata in politica, si prepara a governare il Paese dopo una vittoria sorprendente nelle elezioni del 2-3 luglio. La attendono sfide importanti, come riportare a casa il fratello, l’ex premier in esilio Thaksin.

L’inferno e il paradiso delle donne assassine (Il Fatto Quotidiano, 8 luglio 2011) – Lo sguardo di Farida resta fisso sulla moquette, non ha mosso un muscolo raccontando la sua vita precedente quando era una moglie e un mamma afgana. Ma la risposta all’ultima domanda le sale dallo stomaco alle labbra come un pugno. I suoi occhi si sollevano e ti guardano: lo rifaresti? “No, ma solo perché ho dei figli”. Farida, 26 anni, una sera di due anni fa, ha aspettato che il marito si addormentasse nel letto e poi lo ha accoltellato a morte. Subito dopo ha chiamato la polizia. E ora sconta una pena di vent’anni nel carcere femminile di Herat. “La mia vita era un’inferno. Mio marito si drogava, mi picchiava tanto forte che ogni volta credevo che mi avrebbe ucciso. Così ho dovuto farlo io. Si trattava della sua vita o della mia”.

La donna che sta rivoluzionando Facebook (Il Foglio, 8 luglio 2011) – L’accordo che rivoluzionerà Facebook permettendo di chiamare con Skype ha una mamma: si chiama Sheryl Sandberg, ha 42 anni, è laureata ad Harvard ed è la baby sitter di Mark Zuckerberg. Sul New Yorker di questa settimana un lungo ritratto è dedicato a colei che dal 2008 è chief operating officer (capo operativo) del social network più famoso del mondo, e la sua vita e la sua carriera si intrecciano tra realtà e la fiction del film “The Social Network” di David Fincher, che ha vinto tre premi Oscar.

Annunci

Archiviato in:rassegna stampa, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 30,352 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: