WOMAN's JOURNAL

La protesta della borsetta di fronte al Senato

La senatrice Poretti consegna al ministro Sacconi la propria borsa vuota, come le tasche delle italiane che per i prossimi 10 anni riceveranno poco o nulla per servizi all’infanzia e per la cura degli anziani non autosufficienti. Domani di fronte al Senato le donne dei gruppi femminili della capitale e non solo insceneranno una protesta: un flashmob per alzare la voce sui problemi delle donne italiane, poco presenti nell’agenza del Governo e nei dibattiti politici.

Via La Stampa

Mercoledì alle 9, le donne depositeranno di fronte a Palazzo Madama la propria borsa, vecchia o di cartone, comunque vuota. Un gesto simbolico di protesta contro lo scippo del “tesoretto rosa”, i soldi risparmiati dall’innalzamento dell’età pensionabile delle donne, che alle donne erano stati promessi, e che invece sono spariti.

Advertisements

Archiviato in:diritti, Politica, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,126 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 15 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: