WOMAN's JOURNAL

Le quote rosa al Festival dell’economia

Segnalato da Clarissa Monnati

Al Festival dell’economia di Trento, Monica D’Ascenzo, giornalista del Sole 24 Ore e già autrice di Donne sull’orlo della crisi economica (Rizzoli, 2009) , ha presentato il suo ultimo libro, Fatti più in là. Donne al vertice delle aziende (edizioni Il Sole 24 ore). Insieme a lei, ieri sera c’erano Corrado Passera, Ad di Intesa San Paolo e Anna Maria Tarantola (nella foto Imago), vicedirettore della Banca d’Italia intervenuti per sostenere che le quote rosa nei consigli di amministrazione delle aziende, fanno bene all’economia, oltre a far bene alle donne.

L’autrice ha raccontato come la proposta sia nata in Norvegia nel 2006: “Mi preme citare la genesi delle quote rosa in questo Paese nordico: lo spunto è venuto non dai sindacati ma bensì da un uomo, un ministro conservatore che si era accorto che le assunzioni nelle grandi imprese avvenivano secondo canali poco ortodossi come l’iscrizione a club o a interessi comuni, spesso sportivi, tra gli uomini co-optati”. Spesso le aziende selezionano secondo altri criteri, che non sono il merito, ecco perché è necessario introdurre  – temporaneamente – uno strumento legislativo come le quote, che obbliga le società pubbliche e private a selezionare ai massimi vertici anche manager donne.

Intesa Sanpaolo – ha commentato Passera sulla proposta delle quote, di cui è a favore – si è mossa già da tempo, con una specie di “comunità interna” per capire il perché di questa situazione. È chiaro che molto ruota attorno alla gravidanza ed ai primi anni dei figli, ma la problematica è più complessa. Noi abbiamo introdotto delle tutorship perché c’eravamo accorti che lo stacco per i figli creava un black-out di contatto con l’ufficio”. La famiglia, sembra l’ostacolo più difficile da superare per le donne italiane che sono ferme al 14% come presenza nei board. Come ha voluto anche sottilineare Tarantola, che è sposata e ha due figli: “Mi sono chiesta: perché le donne che fanno carriera ad alto livello sono spessissimo single, senza figli o separate? Risposta: perché la società non facilita chi vuole, oltre a lavorare, avere anche una famiglia. Non bisogna mettere le donne di fronte a questa scelta così pesante e così difficile, o famiglia o lavoro. All’uomo questo non è chiesto”.

Per approfondire: il blog di Monica D’Ascenzo

Su Woman’s Journal: Quote rosa nei cda, le ragioni del no

Annunci

Archiviato in:economia, LIBRI, società, , , , , , ,

2 Responses

  1. Laura ha detto:

    Buonasera,
    ho partecipato anch’io all’incontro oggetto del post!
    L’argomento trattato mi è sembrato molto interessante e i relatori hanno manifestato, mi sembra, un certo ottimismo… forse le cose possono e stanno migliorando!
    Se volete leggere, ho scritto un breve commento anche sul mio blog (http://bankergirl88.blogspot.com/2011/06/festival-delleconomia-2011-trento.html).
    Buonaserata!
    Laura

  2. Monica ha detto:

    Grazie dello spazio che avete dedicato all’argomento. Se vi interessano aggiornamenti sul tema io li posto qui
    http://twitter.com/#!/24donne
    Buona coda d’estate!
    Monica D’Ascenzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,540 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 14 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: