WOMAN's JOURNAL

Maternità e lavoro: due scelte inconciliabili

Le donne italiane stanno a casa, ma non perché lo vogliano. Non possono fare altrimenti. Da una ricerca Isfol sulle italiane emerge la conferma che l’occupazione femminile ha lo stesso andamento della quantità dei servizi all’infanzia offerti: meno asili (in particolare per i bambini fino ai 3 anni) meno donne al lavoro.

Per il 37% del campione la decisione di avere figli dipende dalla disponibilità di familiari non conviventi, di solito i nonni, nell’accudimento dei bambini. Sono il 27,5% le famiglie che vi ricorrono giornalmente, percentuale che sale al 46% settimanalmente. Chi ha figli lo sa: senza nonni, se entrambi i genitori lavorano, è molto dura se non impossibile. Bisogna affrontare molte spese, per baby sitter e asili privati, che rendono più conveniente economicamente stare a casa, invece che lavorare.

Chi non ha figli e pensa di averne si prepari: è tutto in salita, a meno di non vivere in Emilia Romagna o in Trenito Alto Adige, le regioni che riescono a offrire maggiori servizi. Qui il tasso di occupazione femminile è del 60%, ben oltre la media nazionale del 46%.

Via Isfol

Il sistema di welfare italiano è sostanzialmente basato sul modello del male-breadwinner in cui, appunto, l’uomo è l’unico percettore di reddito. Questo modello di fatto orienta le scelte di policy sul tema della famiglia e anche l’offerta di servizi di cura per i bambini che, rispetto ai paesi europei esemplari, risulta ancora non adeguata. (…)

Negli ultimi anni molti comuni italiani hanno realizzato investimenti nei servizi di child-care (si è infatti passati da una percentuale di comuni coperti dal servizio del 39,2% nel 2004, ad una del 51,7% nel 2008), ma l’offerta di cura formale per i bambini italiani è ancora insufficiente.
Inoltre diversi interventi legislativi e di indirizzo, a partire dalla L. 53 del 2000, hanno inteso intervenire sul tema della conciliazione tra lavoro e impegni familiari. In ultimo il recente accordo tra Governo e Sindacati sulle Azioni a sostegno delle politiche di conciliazione tra famiglia e lavoro ribadisce l’importanza della L. 53/2000 e decide la creazione di un tavolo tecnico di lavoro.

Comunicato stampa IL LAVORO DELLE DONNE

Scarica il rapporto 

Advertisements

Archiviato in:economia, Politica, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Unifem news

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Women watch delle Nazioni Unite

  • UN gender equality news feed ottobre 13, 2011
    The Womenwatch RSS feed has moved to UN gender equality news feed. Please update your news reader and bookmarks.

tweets

Scrivici

Segnalaci la tua lettura preferita a tema donne, relazioni e genere redazionewj@gmail.com

Visite

  • 29,134 volte

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi articoli

Segui assieme ad altri 15 follower

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: